Come gestire una campagna Facebook Ads?

Se hai un’azienda o sei un libero professionista, ti sarai accorto che, per raggiungere più persone è necessario promuovere la propria attività online.
Oltre ad esser stato il primo e vero social network in Italia, ruolo che ricopre da oramai più di quindici anni, Facebook è anche un’ottima piattaforma promozionale per le aziende o per i liberi professionisti che vogliono fare pubblicità sul web. In particolare ad oggi, Facebook Advertising è tra gli strumenti pubblicitari più efficaci a cui ricorrere se vuoi far crescere il tuo business online.
Non preoccuparti se non hai mai approcciato a questa strategia, ti aiuteremo con questa guida a capirci qualcosa in più.

Come-gestire-una-campagna-Facebook Ads?

Cosa sono le facebook ads?

Partiamo dall’inizio, anzi da zero.
Le Facebook Ads sono lo strumento a pagamento per fare pubblicità sul social network più famoso.
Rappresentano un metodo molto efficace per mostrare annunci di prodotti o servizi ad un target di persone molto dettagliato, che puoi segmentare in base a numerose variabili.

Età, interessi o posizione geografica sono solo alcuni dei criteri con cui puoi impostare la tua campagna pubblicitaria su Facebook. In questo modo avrai la possibilità di indirizzare la tua campagna verso un pubblico ben definito e che possa essere interessato alla tua creatività.
Hai mai visto gli annunci su Facebook?

Questi vengono visualizzati con la scritta “sponsorizzato” sotto il nome della pagina che li ha creati e scorrono sulla tua bacheca, insieme ai post degli altri utenti o pagine che segui.

 

campagna-Facebook-Ads?

Il contenuto di questi annunci può avere diversi scopi:

• Puntare ad aumentare il seguito della tua pagina Facebook (following)
• Pubblicizzare un tuo prodotto o servizio per venderlo (commerciale)
• Consolidare l’appeal del tuo brand (awareness).

Detto questo, bisogna ricordare due cose molto importanti:
1. Già da molto tempo Facebook ha ridotto la portata dei post non sponsorizzati. Se vuoi ottenere qualcosa da questo social bisogna investire nelle ads.
2. Qualunque sia l’obiettivo della tua campagna è necessario che venga stabilito un budget, definito un target e un obiettivo ben preciso.
Tutto questo è quello che vedremo nella nostra guida.

Perchè usare le Facebook Ads per il tuo business?

Facebook conosce tutto di ogni suo iscritto. Ha una banca dati dettagliata di informazioni su ciascuno di loro, in merito a dati demografici, interessi, abitudini.
Sono tutte informazioni utili a qualsiasi azienda, dalla multinazionale allo store sotto casa.
Quando metti “Mi piace” ad una pagina esprimi un interesse intorno a un determinato argomento. Questa informazione viene archiviata – in modo anonimo – da Facebook e verrà usata al momento giusto, per fornire agli advertiser un database profilato di utenti.
C’è di più.
Pochi sanno che intorno alla piattaforma Facebook ruota un ecosistema di siti e app partner, che vanno a formare il suo “Audience Network”.
In poche parole questi partner, esterni a Facebook, guadagnano per mostrare le pubblicità che vedi sul tuo feed anche all’esterno della piattaforma.
Questo significa avere un bacino di utenti praticamente sconfinato.
Tramite Audience Network, infatti, puoi raggiungere anche persone che non hanno Facebook, ma navigano comunque su Internet.
Qualunque sia il tuo business, quindi, hai già un potenziale parco clienti a cui interesserà il tuo prodotto o servizio.
Devi solo imparare a raggiungerlo.

 

una_guida_completa_ed_esasutiva_per_facebook_ads_2022_libellula_lab_napoli

Tutti i canali che ruotano intorno a Facebook

In pochi anni, la società Facebook ha acquisito varie piattaforme social, che funzionano quasi tutte con le stesse dinamiche sopra descritte.
Oltre a WhatsApp, leader mondiale di messaggistica istantanea, troviamo Instagram, la piattaforma social per la condivisione di contenuti visual (immagini e mini video).

Perché parliamo di Instagram?
Perché sia gli account Instagram, sia quelli Facebook possono essere gestiti dagli stessi applicativi, ovvero dal Business manager e dalla Business Suite, condividendo anche gli stessi dati e i contenuti pensati per i propri followers.

Quanto costano le Facebook Ads?

Non esiste una risposta precisa e definitiva a questa domanda. Dipende da molti fattori.
Utilizzare Facebook ads per sponsorizzare e promuovere il tuo e-commerce è, tuttavia, una delle strategie di marketing più efficaci.
La maggior parte degli imprenditori, piccoli o grandi, utilizza le inserzioni Facebook per attirare i clienti e far scalare il proprio business. Infatti, più di 1,6 miliardi di persone in tutto il mondo sono in contatto con una piccola impresa su Facebook.

Puoi pubblicare inserzioni su Facebook, Instagram e Audience Network scegliendo qualsiasi budget. Alcune persone spendono di più per il caffè ogni giorno che per le loro campagne pubblicitarie sui social network.

Il CPC (Costo per Click) può variare moltissimo in base al target, alla concorrenza, al settore o alla strategia di offerta che decidi di attuare.
Facebook si basa su un vero e proprio sistema di aste, sul quale incidono anche la stagionalità e la posizione dei tuoi annunci.

Per avviare una campagna di successo e non sprecare il proprio budget, quindi, è necessario conoscere bene gli strumenti di pubblicazione e i tool per la gestione delle inserzioni, oltre al sistema con il quale Facebook determina il costo degli annunci.
Anche la precisione nella scelta del target, la qualità e la pertinenza del contenuto influiscono molto sui costi.

 

Ma quanto costa Facebook ads nel 2022?

Probabilmente la pandemia di Covid-19 ha influito sul prezzo del 2020, poiché ha causato il panico tra molti imprenditori che hanno dovuto ridurre la spesa pubblicitaria per l’anno. Per questo motivo, il costo degli annunci è stato più basso da marzo 2020 a settembre.
Per il 2022 è ragionevole aspettarsi una situazione simile, con prezzi in crescita ma ancora contenuti a causa delle difficoltà economiche.
Il sistema secondo cui una pubblicità su Facebook appare o meno in un dato momento e nel feed di una data persona è determinato da delle vere e proprie aste.

In altre parole, lo spazio pubblicitario disponibile è limitato e ci sono molte persone che vogliono usarlo per far crescere il proprio business.
Ecco perché non puoi semplicemente pagare e creare il tuo annuncio su Facebook ads per essere sicuro che gli utenti lo visualizzino.
Al contrario, gli inserzionisti devono fare un’offerta per assicurarsi un posizionamento pubblicitario. In parole povere è un’asta, e chi fa l’offerta più alta vince il posizionamento e può mostrare il proprio annuncio al suo target di riferimento.

Ad esempio, supponiamo che tu venda prodotti di abbigliamento femminile a giovani millennials Italiani che sono attenti alla loro salute.
In questo scenario, non sarai in competizione solo con altri marchi di abbigliamento.

Sarai anche in competizione con, ad esempio, brand di make-up che non utilizzano sostanze chimiche, brand di prodotti vegani, palestre locali che cercano di ottenere nuove iscrizioni, allenatori nutrizionisti che promuovono piani alimentari, e qualunque altra attività che abbia lo stesso target di clienti.

6 fattori che influenzano il costo di Facebook ads

Come abbiamo detto, ci sono una serie di fattori che influenzano i costi della pubblicità su Facebook: ecco alcune delle variabili più importanti.

1. Il tuo target di riferimento
Raggiungere persone con un determinato profilo demografico e attitudinale ha un costo più elevato. Quindi, se ti rivolgi a un pubblico particolarmente ricercato, i costi della tua pubblicità su Facebook saranno più alti.
Si tratta puramente di domanda e offerta, cosi come alla base di tutte le regole del mercato.
Di conseguenza, potresti avvertire la tentazione di limitare il tuo target di riferimento per restringere il bacino di utenza, ma attenzione!
La creazione di un pubblico di riferimento troppo ridotto può portare a costi più elevati perché ci sono meno spazi disponibili per le inserzioni.
Il trucco sta nel trovare il giusto equilibrio, o l’equilibrio che funziona meglio per il tuo business e il tuo settore di appartenenza.

2. Il tuo obiettivo di marketing
Quando crei un’inserzione con Facebook ads, Facebook ti inviterà a scegliere un obiettivo di marketing.
In generale, effettuare delle vendite costa più della semplice promozione del tuo brand. In altre parole, spesso le conversioni costano più dei click, che di solito costano più delle visualizzazioni dei video.
Ovviamente, tutto dipende da quali sono i tuoi obiettivi, e potresti anche avere obiettivi diversi in momenti diversi!

3. I tuoi competitor
Questo è senza dubbio il fattore principale che influenza i costi degli annunci su Facebook.
Perché? Ancora una volta, la regola di base: domanda e offerta.
Se non ci fossero altre aziende che cercano di raggiungere il tuo stesso target di riferimento, non ci sarebbe alcuna domanda e quindi nessun’asta.

4. Quando scegli di fare pubblicità
La concorrenza aumenta nei periodi di punta.
Di conseguenza, puoi aspettarti che i costi della pubblicità su Facebook aumentino nei periodi che precedono il Natale, la Black Week o altre festività.

5. I posizionamenti in cui scegli di fare ads
Ci sono diversi posizionamenti disponibili per i tuoi Facebook ads:
Ecco un breve elenco dei posizionamenti disponibili per Facebook ads aggiornato al 2022:
Facebook
Feed
Nell’articolo
Video in-stream
Colonna destra
Marketplace
Storie
Instagram
Feed
Storie
Messenger
Messaggi
Messaggi sponsorizzati
Siti e app
Banner
Interstitial
Nativi
Video con premio
Video in-stream
Gli annunci su Facebook hanno dei costi variabili anche in base al posizionamento.

È quindi fondamentale assicurarti che i tuoi post sponsorizzati siano rilevanti per il tuo mercato di riferimento, altrimenti non solo spenderai soldi inutilmente in annunci che non funzionano, ma sarai anche penalizzato dall’algoritmo della piattaforma e i tuoi annunci successivi avranno un costo più elevato.

Per determinare i costi della pubblicità su Facebook è necessario, dunque, valutare molteplici fattori:
• offerta: com’è composto il tuo target e quante persone ne fanno parte;
• domanda: quanta concorrenza c’è per il pubblico che hai scelto;
• budget: il denaro che intendi investire;
• qualità e pertinenza: delle inserzioni rispetto al target definito.

Ricorda di tenere bene a mente queste 4 regole fondamentali!

 

Novità delle facebook ads per il 2022

Ecco alcuni dei maggiori cambiamenti del 2020 che hanno un impatto sull’utilizzo delle Facebook Ads nel 2022:
– Da Business Manager a Business Suite: la piattaforma ora consente di gestire completamente un’azienda su Facebook e Instagram da un unico posto, dalla pubblicazione di post alla creazione di inserzioni all’analisi delle statistiche. Ha un aspetto nuovo e offre una varietà di strumenti inediti, oltre alla possibilità di gestire il tutto da app.

– Apple cambia la privacy con iOS14: Apple ha introdotto modifiche sostanziali volte a tutelare la privacy con iOS 14 che hanno di fatto un impatto su strumenti come il pixel di Facebook, di cui parleremo più sotto, e sulla sua capacità di tracciare correttamente i comportamenti degli utenti.

– Addio regola del 20%: Secondo recenti rapporti, Facebook sta eliminando la restrizione del 20% di testo su un’immagine pubblicitaria. La piattaforma raccomanda ancora di mantenere il testo al di sotto di questa percentuale, in quanto tendono ad avere prestazioni migliori, ma questo aggiornamento significherà maggiore libertà per i marketers.

Per creare una strategia di marketing efficace, infatti, non è sufficiente smanettare con il computer o avere una conoscenza base dei social. Per emergere sul web è necessario avere competenze reali, basate sullo studio e l’esperienza.

Il facebook Business Manager può essere uno strumento complesso da utilizzare. Impostare le tue campagne da solo può farti sprecare budget senza ottenere il risultato sperato.

Chiedere aiuto ad una web agency vuol dire creare campagne strategiche, avere un calendario editoriale per la gestione dei contenuti in maniera regolare e mirata, definire un target preciso e ben profilato. Questi elementi ti permetteranno di avviare pubblicità performanti in termini di risultati e di investire il tuo budget nel migliore dei modi.

 

Ora tocca a te!
Se hai un’idea di business online, parlane con noi.

 

Richiedi una consulenza gratuita Social per la tua Azienda, insieme renderemo eccellenti i tuoi progetti! Avrai anche un po’ di tranquillità sapendo che la tua reputazione e le tue prospettive saranno in buone mani.

Come gestire una campagna Facebook Ads?

Se hai un’azienda o sei un libero professionista, ti sarai accorto che, per raggiungere più persone è necessario promuovere la propria attività online.
Oltre ad esser stato il primo e vero social network in Italia, ruolo che ricopre da oramai più di quindici anni, Facebook è anche un’ottima piattaforma promozionale per le aziende o per i liberi professionisti che vogliono fare pubblicità sul web. In particolare ad oggi, Facebook Advertising è tra gli strumenti pubblicitari più efficaci a cui ricorrere se vuoi far crescere il tuo business online.
Non preoccuparti se non hai mai approcciato a questa strategia, ti aiuteremo con questa guida a capirci qualcosa in più.

Come-gestire-una-campagna-Facebook Ads?

Cosa sono le facebook ads?

Partiamo dall’inizio, anzi da zero.
Le Facebook Ads sono lo strumento a pagamento per fare pubblicità sul social network più famoso.
Rappresentano un metodo molto efficace per mostrare annunci di prodotti o servizi ad un target di persone molto dettagliato, che puoi segmentare in base a numerose variabili.

Età, interessi o posizione geografica sono solo alcuni dei criteri con cui puoi impostare la tua campagna pubblicitaria su Facebook. In questo modo avrai la possibilità di indirizzare la tua campagna verso un pubblico ben definito e che possa essere interessato alla tua creatività.
Hai mai visto gli annunci su Facebook?

Questi vengono visualizzati con la scritta “sponsorizzato” sotto il nome della pagina che li ha creati e scorrono sulla tua bacheca, insieme ai post degli altri utenti o pagine che segui.

 

campagna-Facebook-Ads?

Il contenuto di questi annunci può avere diversi scopi:

• Puntare ad aumentare il seguito della tua pagina Facebook (following)
• Pubblicizzare un tuo prodotto o servizio per venderlo (commerciale)
• Consolidare l’appeal del tuo brand (awareness).

Detto questo, bisogna ricordare due cose molto importanti:
1. Già da molto tempo Facebook ha ridotto la portata dei post non sponsorizzati. Se vuoi ottenere qualcosa da questo social bisogna investire nelle ads.
2. Qualunque sia l’obiettivo della tua campagna è necessario che venga stabilito un budget, definito un target e un obiettivo ben preciso.
Tutto questo è quello che vedremo nella nostra guida.

Perchè usare le Facebook Ads per il tuo business?

Facebook conosce tutto di ogni suo iscritto. Ha una banca dati dettagliata di informazioni su ciascuno di loro, in merito a dati demografici, interessi, abitudini.
Sono tutte informazioni utili a qualsiasi azienda, dalla multinazionale allo store sotto casa.
Quando metti “Mi piace” ad una pagina esprimi un interesse intorno a un determinato argomento. Questa informazione viene archiviata – in modo anonimo – da Facebook e verrà usata al momento giusto, per fornire agli advertiser un database profilato di utenti.
C’è di più.
Pochi sanno che intorno alla piattaforma Facebook ruota un ecosistema di siti e app partner, che vanno a formare il suo “Audience Network”.
In poche parole questi partner, esterni a Facebook, guadagnano per mostrare le pubblicità che vedi sul tuo feed anche all’esterno della piattaforma.
Questo significa avere un bacino di utenti praticamente sconfinato.
Tramite Audience Network, infatti, puoi raggiungere anche persone che non hanno Facebook, ma navigano comunque su Internet.
Qualunque sia il tuo business, quindi, hai già un potenziale parco clienti a cui interesserà il tuo prodotto o servizio.
Devi solo imparare a raggiungerlo.

 

una_guida_completa_ed_esasutiva_per_facebook_ads_2022_libellula_lab_napoli

Tutti i canali che ruotano intorno a Facebook

In pochi anni, la società Facebook ha acquisito varie piattaforme social, che funzionano quasi tutte con le stesse dinamiche sopra descritte.
Oltre a WhatsApp, leader mondiale di messaggistica istantanea, troviamo Instagram, la piattaforma social per la condivisione di contenuti visual (immagini e mini video).

Perché parliamo di Instagram?
Perché sia gli account Instagram, sia quelli Facebook possono essere gestiti dagli stessi applicativi, ovvero dal Business manager e dalla Business Suite, condividendo anche gli stessi dati e i contenuti pensati per i propri followers.

Quanto costano le Facebook Ads?

Non esiste una risposta precisa e definitiva a questa domanda. Dipende da molti fattori.
Utilizzare Facebook ads per sponsorizzare e promuovere il tuo e-commerce è, tuttavia, una delle strategie di marketing più efficaci.
La maggior parte degli imprenditori, piccoli o grandi, utilizza le inserzioni Facebook per attirare i clienti e far scalare il proprio business. Infatti, più di 1,6 miliardi di persone in tutto il mondo sono in contatto con una piccola impresa su Facebook.

Puoi pubblicare inserzioni su Facebook, Instagram e Audience Network scegliendo qualsiasi budget. Alcune persone spendono di più per il caffè ogni giorno che per le loro campagne pubblicitarie sui social network.

Il CPC (Costo per Click) può variare moltissimo in base al target, alla concorrenza, al settore o alla strategia di offerta che decidi di attuare.
Facebook si basa su un vero e proprio sistema di aste, sul quale incidono anche la stagionalità e la posizione dei tuoi annunci.

Per avviare una campagna di successo e non sprecare il proprio budget, quindi, è necessario conoscere bene gli strumenti di pubblicazione e i tool per la gestione delle inserzioni, oltre al sistema con il quale Facebook determina il costo degli annunci.
Anche la precisione nella scelta del target, la qualità e la pertinenza del contenuto influiscono molto sui costi.

 

Ma quanto costa Facebook ads nel 2022?

Probabilmente la pandemia di Covid-19 ha influito sul prezzo del 2020, poiché ha causato il panico tra molti imprenditori che hanno dovuto ridurre la spesa pubblicitaria per l’anno. Per questo motivo, il costo degli annunci è stato più basso da marzo 2020 a settembre.
Per il 2022 è ragionevole aspettarsi una situazione simile, con prezzi in crescita ma ancora contenuti a causa delle difficoltà economiche.
Il sistema secondo cui una pubblicità su Facebook appare o meno in un dato momento e nel feed di una data persona è determinato da delle vere e proprie aste.

In altre parole, lo spazio pubblicitario disponibile è limitato e ci sono molte persone che vogliono usarlo per far crescere il proprio business.
Ecco perché non puoi semplicemente pagare e creare il tuo annuncio su Facebook ads per essere sicuro che gli utenti lo visualizzino.
Al contrario, gli inserzionisti devono fare un’offerta per assicurarsi un posizionamento pubblicitario. In parole povere è un’asta, e chi fa l’offerta più alta vince il posizionamento e può mostrare il proprio annuncio al suo target di riferimento.

Ad esempio, supponiamo che tu venda prodotti di abbigliamento femminile a giovani millennials Italiani che sono attenti alla loro salute.
In questo scenario, non sarai in competizione solo con altri marchi di abbigliamento.

Sarai anche in competizione con, ad esempio, brand di make-up che non utilizzano sostanze chimiche, brand di prodotti vegani, palestre locali che cercano di ottenere nuove iscrizioni, allenatori nutrizionisti che promuovono piani alimentari, e qualunque altra attività che abbia lo stesso target di clienti.

6 fattori che influenzano il costo di Facebook ads

Come abbiamo detto, ci sono una serie di fattori che influenzano i costi della pubblicità su Facebook: ecco alcune delle variabili più importanti.

1. Il tuo target di riferimento
Raggiungere persone con un determinato profilo demografico e attitudinale ha un costo più elevato. Quindi, se ti rivolgi a un pubblico particolarmente ricercato, i costi della tua pubblicità su Facebook saranno più alti.
Si tratta puramente di domanda e offerta, cosi come alla base di tutte le regole del mercato.
Di conseguenza, potresti avvertire la tentazione di limitare il tuo target di riferimento per restringere il bacino di utenza, ma attenzione!
La creazione di un pubblico di riferimento troppo ridotto può portare a costi più elevati perché ci sono meno spazi disponibili per le inserzioni.
Il trucco sta nel trovare il giusto equilibrio, o l’equilibrio che funziona meglio per il tuo business e il tuo settore di appartenenza.

2. Il tuo obiettivo di marketing
Quando crei un’inserzione con Facebook ads, Facebook ti inviterà a scegliere un obiettivo di marketing.
In generale, effettuare delle vendite costa più della semplice promozione del tuo brand. In altre parole, spesso le conversioni costano più dei click, che di solito costano più delle visualizzazioni dei video.
Ovviamente, tutto dipende da quali sono i tuoi obiettivi, e potresti anche avere obiettivi diversi in momenti diversi!

3. I tuoi competitor
Questo è senza dubbio il fattore principale che influenza i costi degli annunci su Facebook.
Perché? Ancora una volta, la regola di base: domanda e offerta.
Se non ci fossero altre aziende che cercano di raggiungere il tuo stesso target di riferimento, non ci sarebbe alcuna domanda e quindi nessun’asta.

4. Quando scegli di fare pubblicità
La concorrenza aumenta nei periodi di punta.
Di conseguenza, puoi aspettarti che i costi della pubblicità su Facebook aumentino nei periodi che precedono il Natale, la Black Week o altre festività.

5. I posizionamenti in cui scegli di fare ads
Ci sono diversi posizionamenti disponibili per i tuoi Facebook ads:
Ecco un breve elenco dei posizionamenti disponibili per Facebook ads aggiornato al 2022:
Facebook
Feed
Nell’articolo
Video in-stream
Colonna destra
Marketplace
Storie
Instagram
Feed
Storie
Messenger
Messaggi
Messaggi sponsorizzati
Siti e app
Banner
Interstitial
Nativi
Video con premio
Video in-stream
Gli annunci su Facebook hanno dei costi variabili anche in base al posizionamento.

È quindi fondamentale assicurarti che i tuoi post sponsorizzati siano rilevanti per il tuo mercato di riferimento, altrimenti non solo spenderai soldi inutilmente in annunci che non funzionano, ma sarai anche penalizzato dall’algoritmo della piattaforma e i tuoi annunci successivi avranno un costo più elevato.

Per determinare i costi della pubblicità su Facebook è necessario, dunque, valutare molteplici fattori:
• offerta: com’è composto il tuo target e quante persone ne fanno parte;
• domanda: quanta concorrenza c’è per il pubblico che hai scelto;
• budget: il denaro che intendi investire;
• qualità e pertinenza: delle inserzioni rispetto al target definito.

Ricorda di tenere bene a mente queste 4 regole fondamentali!

 

Novità delle facebook ads per il 2022

Ecco alcuni dei maggiori cambiamenti del 2020 che hanno un impatto sull’utilizzo delle Facebook Ads nel 2022:
– Da Business Manager a Business Suite: la piattaforma ora consente di gestire completamente un’azienda su Facebook e Instagram da un unico posto, dalla pubblicazione di post alla creazione di inserzioni all’analisi delle statistiche. Ha un aspetto nuovo e offre una varietà di strumenti inediti, oltre alla possibilità di gestire il tutto da app.

– Apple cambia la privacy con iOS14: Apple ha introdotto modifiche sostanziali volte a tutelare la privacy con iOS 14 che hanno di fatto un impatto su strumenti come il pixel di Facebook, di cui parleremo più sotto, e sulla sua capacità di tracciare correttamente i comportamenti degli utenti.

– Addio regola del 20%: Secondo recenti rapporti, Facebook sta eliminando la restrizione del 20% di testo su un’immagine pubblicitaria. La piattaforma raccomanda ancora di mantenere il testo al di sotto di questa percentuale, in quanto tendono ad avere prestazioni migliori, ma questo aggiornamento significherà maggiore libertà per i marketers.

Per creare una strategia di marketing efficace, infatti, non è sufficiente smanettare con il computer o avere una conoscenza base dei social. Per emergere sul web è necessario avere competenze reali, basate sullo studio e l’esperienza.

Il facebook Business Manager può essere uno strumento complesso da utilizzare. Impostare le tue campagne da solo può farti sprecare budget senza ottenere il risultato sperato.

Chiedere aiuto ad una web agency vuol dire creare campagne strategiche, avere un calendario editoriale per la gestione dei contenuti in maniera regolare e mirata, definire un target preciso e ben profilato. Questi elementi ti permetteranno di avviare pubblicità performanti in termini di risultati e di investire il tuo budget nel migliore dei modi.

 

Ora tocca a te!
Se hai un’idea di business online, parlane con noi.

 

Richiedi una consulenza gratuita Social per la tua Azienda, insieme renderemo eccellenti i tuoi progetti! Avrai anche un po’ di tranquillità sapendo che la tua reputazione e le tue prospettive saranno in buone mani.


Maggiori informazioni sulle strategie da adottare per la tua Azienda? Compila di Modulo! 👇 

Nome
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il tuo indirizzo di posta elettronica
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Azienda
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il tuo numero di telefono
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Facci domande ...
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!

VUOI SCOPRIRE DI PIU' SUL MAGICO MONDO DELLA COMUNICAZIONE?

Richiedi ora una video call gratuita, compila di Modulo! 

Nome
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il tuo indirizzo di posta elettronica
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Azienda
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il tuo numero di telefono
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Facci domande ...
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!
Il campo è obbligatiorio!